Il cv ben fatto…….cosa vorrei leggere

Il cv ben fatto…….cosa vorrei leggere

Quando una persona cerca un lavoro deve possedere strumenti validi e utili, il primo in assoluto è ovviamente il Curriculum Vitae (cv). Il cv è il vostro biglietto da visita, è il primo filtro utilizzato dai responsabili delle risorse umane. Potremmo dire che si tratta di fatto, della “prima impressione” che si intende dare.

Scrivere un curriculum in autonomia è semplice, difficile è redigere un cv corretto.

Oggi grazie a Internet possiamo trovare siti validi che aiutano in quest’impresa. Basta digitare in Google “come scrivere un cv” che compaiono numerosi siti validi, con linee guida, esempi, suggerimenti, percorsi guidati. Eppure, raramente nel corso della mia esperienza di consulente di carriera mi è capitato di leggere dei cv ben fatti, perfetti, senza errori. Ecco alcuni esempi di errori tipici, che ho avuto modo di riscontrare spesso, e qualche piccolo consiglio per evitarli.

Modello

La scelta del format da cui partire per scrivere il proprio cv è decisiva. Molte persone usano di default il format del cv europeo o europass, poi però si accorgono che alcune sezioni sono un po’ complesse e le elimino.……e allora non modificate il modello e utilizzate il cv europeo o europass solo se espressamente richiesto!

Lay-out

Cv troppo lunghi, di quattro o più pagine, oppure cv di due pagine ma con un carattere minuscolo (ad esempio dimensione 9), cv molto fitti senza l’uso di grassetto o sottolineature.
……..ovviamente così non aiutate la persona che deve leggere il vostro cv!

Foto e firma

La foto non è obbligatoria, ma
………….. vivamente consigliata!

La “frasetta “ della privacy per l’autorizzazione dei vostri dati personali con poi la vostra firma, possibilmente scannerizzata
………è d’obbligo!

Struttura

Alcuni cv fanno venire il “mal di mare”!! Iniziano con la formazione poi passano alle esperienze lavorative senza data poi tornano all’ultimo seminario fatto. Per redigere un cv facilmente leggibile dovete crearvi delle sezioni (ad esempio: dati personali/esperienze lavorative/ formazione/conoscenze linguistiche ed informatiche/interessi).
Inoltre, cercate di mantenere lo stesso ordine per tutta la sezione (per raccontare le vostre esperienze lavorative un buon metodo è: data/nome azienda/ruolo/attività svolte).

Ortografia

Ricordatevi di fare il controllo dell’ortografia e se potete, fate leggere il vostro cv ad un’altra persona ….sicuramente vi troverà qualche errore di battitura!
……. banale ma sostanziale!

Adesso non vi resta che controllare se il vostro cv contiene questi errori e sistemarlo, così la prossima volta potrà passare da un cv corretto a un cv efficace.
Al prossimo post.

Leave a Reply